Fucecchio. Gli albanesi protagonisti di "Metti la pace in movimento” - Shqiptari i Italisë

Veprimtari
La cultura albanese protagonista del secondo appuntamento della rassegna “Metti la pace in movimento”. Domenica 25 marzo, proiezione, dibattito sui diritti di cittadinanza, cucina e musiche tipiche

Roma, 22 marzo 2012 – La cultura, il cinema, la musica e la cucina albanese saranno protagonisti del secondo appuntamento con la rassegna “Metti la pace in movimento, in programma domenica prossima 25 marzo alla Fondazione I Care di Fucecchio, in via 1° Settembre 43/A.

La rassegna, promossa dall’assessorato all’immigrazione e intercultura del Comune, col patrocinio della Provincia di Firenze, in questa edizione affronta temi come la cittadinanza, l’integrazione e i diritti degli immigrati, attraverso l’incontro e la conoscenza diretta delle comunità straniere maggiormente presenti sul territorio (senegalese, albanese e cinese). Con l’obbiettivo di sensibilizzare il pubblico sull’estrema importanza della conoscenza come strumento di una vera cultura di pace.

Domenica prossima, 25 marzo, la giornata sarà aperta alle ore 16 dalla proiezione di “Saimir”, il film di Francesco Munzi premio per la Miglior Opera Prima alla 61°esima Mostra del Cinema di Venezia.
Saimir, adolescente albanese, vive un’età straordinaria in una condizione altrettanto straordinaria: quella dell’immigrazione e dell’emarginazione. Saimir è due volte fuori: fuori dai valori parentali, fuori dai valori comuni dei suoi coetanei italiani. Nel processo di transizione verso lo stato adulto, si troverà a dover interpretare la propria drammatica esperienza.

Subito dopo il film è previsto un dibattito sui diritti di cittadinanza degli stranieri con la partecipazione delle donne della Comunità Albanese di Fucecchio e alle ore 19 un aperitivo con assaggi di cucina albanese, accompagnato da musiche tipiche.

“Metti la pace in movimento” è realizzata in collaborazione con: Comunità albanese, Consiglio degli Stranieri, Rete G2, ABL Associazione senegalese, Circolo del Cinema Amarcord, Associazione d’amicizia dei Cinesi in Italia occidentale, Elan Frantoio, Istituto Superiore "A. Checchi", Fondazione I Care, Consulta del Volontariato, Biblioteca Comunale "Indro Montanelli".