Identità arbereshe. Più fondi e impegno comune per il sostegno di questo grande patrimonio - Shqiptari i Italisë

Veprimtari
“È di fondamentale importanza, oltre ad avere più ondi a disposiozione, fare rete, tra Università e Ambasciata, associazionismo e amministrazioni, per ravvivare la speranza degli arberesh e per riannodare quei legami che altrimenti andranno persi, per conservare nel tempo l’identità arbereshe, questa realtà più unica che rara”. Queste le conclusioni del convegno dal titolo “Viaggio Arberesh a 15 anni dalla legge 482/1999”, svoltosi  nei giorni scorsi a Roma.

Apre i lavori il Prof. Antonello Biagini Prorettore Vicario dell’Università Sapienza di Roma, soffermandosi su tutto il lavoro che viene svolto in ambito accademico sul tema linguistico e dell’importanza di instaurare una collaborazione con le altre Università interessate. A seguire gli interventi dell’Avv. Antonino Galletti e Avv. Andrea Borgheresi, il primo, tesoriere dell’Ordine degli Avvocati, il secondo, Delegato dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura Italiana. Questi due interventi hanno evidenziato alcuni aspetti di legislazione che caratterizzano l’attuale legge 482 e quelli che potrebbero essere i miglioramenti applicabili alla stessa. L’Avv. Ersi Bozheku, direttore del centro studi Cemas della Sapienza di Roma, si sofferma sul valore e sulla fondamentale importanza che la legge di tutela delle minoranze linguistiche debba avere sotto il profilo giuridico e soprattutto politico.

Il Dott Giovanni Lattanzi, consulente presso il Senato della Repubblica, spinto dall’aver visto una comunità attiva, afferma di aver già presentato un emendamento presso la Camera dei Deputati  per impegnare  il Governo  a cercare i fondi opportuni da destinare alla legge 482. “È fondamentale – afferma lui - il coinvolgimento di più attori possibili compreso le università al fine di creare di un coordinamento  con l’obiettivo di avere più forza al Ministero coinvolgendo più parlamentari possibile”.  

Con una punta di orgoglio, l’Avv. Alessandro Cassiani, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma apre il suo intervento con l’esclamazione “Noi siamo arberesh”.
“Siamo un miracolo vivente, il nostro legame non si è mai spezzato, noi Albanesi siamo arrivati in Italia prima della scoperta dell’America. Noi Arberesh abbiamo coltivato un duplice amore, è indispensabile il legame tra lingua e identità. Gli arberesh hanno costituito attraverso i poeti, in maniera incisiva alla cultura italiana e albanese e ci sono stati illustri uomini, basta citare Gramsci, Crispi, Matranga, De Rada, Cassiani, Papa Clemente 11°. – spiega Cassiani – Oggi siamo tenuti a riscattare la nostra identità, che rischia di scomparire e ciò sarebbe triste. La nostra è la lingua originale, quella autentica, ed è un bene prezioso per l’Albania e l’Italia. Ci sono voluti quarant’anni per avere una legge che tutelasse la lingua e le minoranze, ha trovato scarsissimo apprendimento, sono pochissime le scuole che viene insegnata la lingua, certamente a causa dei pochi fondi ma anche per l’impostazione delle norme”.
L’ex presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma nativo di Spezzano Albanese, sostiene a voce alta che la legge 482 vada totalmente modificata, non ci si può trovare davanti ad una facoltà, bisogna riconoscere un diritto di autonomia  e autodifesa della lingua e di tutto ciò che ne consegue.

Il Prof. Francesco Perri ex Sindaco di Vaccarizzo porta la sua testimonianza evidenziato che ormai i paesi arberesh si spopolano e che solo una minima parte parla la lingua. “Il problema è che i finanziamenti siano stati dirottati al mattone e sono state fatte e rifatte piazze e strade, i fondi devono essere destinati a beni immateriali e va creato assolutamente un coordinamento”.

La seconda parte dell’incontro è stato caratterizzato dall’illustrazione fotografica del viaggio nei paesi arberesh dell’Ambasciatore S.E. Prof. Neritan Ceka che non si è proprio lasciato sfuggire niente. In questo percorso fotografico si è evidenziato tutta la particolare attenzione che nonostante tutto, la nostra identità ancora conserva negli usi, costumi e tradizioni, in alcuni territori tanto ed in altri poco, la comunità arberesh in Italia è viva e sarebbe davvero un peccato se tutto ciò andasse a scomparire.

L’incontro è stato moderato dal Console Dott.ssa Gerarta Zheji Ballo ed è stato impreziosito dalla performance canora di Anna Stratigò con Egert Pano alla chitarra.

Quella degli arberesh è una storia affascinante che tutti dovrebbero conoscere. Durante il Risorgimento gli albanesi d’Italia hanno dato una prova di valore al limite dell’eroismo, basta pensare la spedizione dei mille. L’Italia ha l’obbligo di riconoscere questa lingua che resiste da secoli, ma è di fondamentale importanza fare rete, bisogna instaurare rapporti tra Università e Ambasciata, associazionismo e amministrazioni, questi incontri devono diventare sistematici, devono essere programmatici, periodicamente, per ravvivare la speranza degli arberesh e per riannodare quei legami che altrimenti andranno persi.

Cataldo Pugliese